aggressive-disciplina

Il nome dice tutto, il pattinaggio aggressive è sicuramente uno sport d’impatto.

Quindi se vuoi cimentarti in questa disciplina preparati a mettere il casco e protezioni, ma preparati anche a grandi dosi di adrenalina e divertimento.

Secondo me, l’ aggressive è una delle discipline del pattinaggio più travolgente e spettacolare da vedere.

STORIA

Il pattinaggio aggressive è considerato uno sport estremo.

E’ una forma di pattinaggio che è emersa dalla strada,  agli inizi degli anni 80 ed ha avuto subito un grande boom, grazie anche alla “Rollerblade” che nel 1988 ha introdotto il “Rollerblade Lightning TRS”, il primo pattino aggressivo in linea.

Così tutti quei ragazzi stanchi del normale pattinaggio in linea, hanno provato qualcosa di diverso, si sono spinti oltre e hanno dato vita a questo fantastico sport, che come tutti gli sport , negli anni,  inevitabilmente è cambiato, si è evoluto fino a diventare quello che è oggi.

Nomi di pattinatori importanti che hanno contribuito alla disciplina sono: Arlo Eisenberg e Chris Eduards, tutte e due campioni che hanno inventato vari trick.

Chi si occupa, o comunque si è occupato di promuovere questo sport nel mondo organizzando eventi e campionati a livello competitivo sono:

  • “N.I.S.S” (National Inline Skate Series) che ha organizzato le primissime competizioni;
  • “A.S.A.”  (Aggressive Skating Association),  originariamente nata per promuovere solo il pattinaggio aggressive,oggi si rivolge anche ad altri sport estremi ed è diventata (A.S.A.Enterntaiment Actions Sports World Tour);
  • ESPN, ha organizzato gli “X-Games”, che sono una competizione annuale dedicata agli sport estremi. Nel 1995 l’ aggressive è stato incluso in questi giochi, ma nel 2005 è stato rimosso per un calo di popolarità.Gli x games hanno dato comunque dato una grande visibilità al pattinaggio aggressive. E inoltre l’ aggressive è ancora incluso negli  X-games asiatici, nelle competizioni LG Action Sports, nel Montpellier Fise e in molte altre grandi gare;
  • WRS (World Rolling Series);

In Italia questo sport cresce e sta crescendo, ma continua ad assere uno sport di nicchia, un po’ come tutto il pattinaggio in linea.

Io non sono un esperta di aggressive dato che mi dedico al pattinaggio freestyle-slalom, quindi a livello di competizioni, regolamenti e campionati non ne so molto.

Vi lascio questo link che forse può esservi utile:

 


PATTINI

Come già detto in quest’ articolo, i pattini aggressive sono diversi, sono più robusti perché devono attutire e sopportare al meglio tutti i “colpi” che riceveranno.

Le maggiori marche dei pattini aggressive sono: Rollerblade, Remz, Razor, USD, Xsjado e Roces.


In generale, si praticano tre tipologie di aggressive :

STREET (URBAN , ROLLERBLADING)

E’ un po’ il parkour con l’ aggiunta dei pattini ai piedi. I pattinatori utilizzano l ‘ambiente urbano come palcoscenico per fare trick, saltare scale, panchine e scivolare su i corrimani.

SKATE PARK

Gli skate park sono dei parchi appositi attrezzati con rampe, quarter e funboxe e altri ostacoli.

Una sorta di palestra per i pattinatori ,un luogo perfetto dove provare i trick concentrandosi molto sulla tecnica.

HALF-PIPE /VERT

Le half-pipe non sono altro che rampe a forma di u dove i pattinatori si divertono ad eseguire acrobazie, salti, rotazioni e trick in aria.

Quindi

Se ti piace l’azione, ti piacciono le acrobazie, sei un tipo tosto e vuoi cimentarti in questo sport, cerca uno skate park o un’associazione sportiva che si dedichi anche al pattinaggio aggressive e cosa importante non dimenticare di acquistare i pattini!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *